Snow Queen

Un giorno, lo spirito malvagio del diavolo fece uno strano specchio. Lo specchio era speciale in quanto rovinava tutto ciò che si rifletteva in esso. Avrebbe messo in evidenza tutti i difetti e tutte le persone che lo guardavano, sembrava brutto, e tutti i meravigliosi paesaggi come le colline più brutte. Il diavolo si rallegrò molto della tristezza e del male che il suo specchio portò alla gente. Assunse i suoi piccoli diavoli per portare uno specchio attraverso il paese, affinché ogni uomo in esso fosse riflesso e rattristato almeno una volta. E quando ebbero finito, il Diavolo ordinò loro di volare in alto e raggiungere gli angeli stessi, facendoli guardare anche in quello specchio.

Ma quando i Diavoli iniziarono a volare su, il loro specchio divenne pesante, cominciò a tremare fino a quando cadde dalle loro mani e cadde a terra. Si è rotto in mille pezzi. Alcuni pezzi si frantumarono e si gettarono nei cuori delle persone, rendendoli freddi e pieni di odio, alcuni sporgendo gli occhi, quindi queste persone vedevano solo la bruttezza del mondo, alcuni pezzi erano abbastanza grandi da creare finestre o occhiali, ma quando li guardi, il mondo sembra più brutto di prima. Parti dello specchio sono diventate minuscole come polvere, il vento le ha spazzate via e le persone hanno inalato, così sarebbero diventate odiose e arrabbiate senza sapere chi o perché. Questo è esattamente ciò di cui parla questa storia.

C'erano un ragazzo e una ragazza in una città, i loro nomi erano Kay e Gerda. Vivevano entrambi in condizioni di povertà, in angusti appartamenti nell'attico dell'edificio, di fronte l'uno all'altro. I loro genitori hanno messo una grondaia e diversi vasi di fiori sul tetto, piantando rose e vegetazione per la zuppa. Attraverso la grondaia, i bambini potevano incrociarsi, così giocavano sempre insieme. Erano come fratello e sorella, completamente inseparabili.


In inverno, quando le loro finestre erano congelate, non potevano uscire sul tetto, ma dovevano scendere le scale e arrampicarsi di nuovo. A volte chiedevano alla nonna di raccontare loro la storia della Regina delle Nevi, altre volte altre storie.

Una notte, quando Kay era già caldamente nascosto nel suo letto, un fiocco di neve attraversò il suo buco nella finestra. È cresciuto e cresciuto fino a trasformarsi in una donna. La donna era bellissima, vestita da regina, tutta fatta di ghiaccio, ma ancora viva. La donna annuì semplicemente, mentre il ragazzo nel suo letto, con gli occhi spalancati per la paura, la guardava e basta.

Il giorno dopo il sole splendeva come se fosse arrivata la primavera. Venivano anche le rondini, i fiori sbocciavano e il ragazzo e la ragazza potevano sedersi di nuovo sul tetto. Giocarono allegramente e poi si sedettero a leggere un libro illustrato, quando Kay urlò che qualcosa gli aveva ferito il cuore!


Gerda si preoccupò immediatamente e saltò per aiutare la sua amica, e non appena la guardò notò che stava diventando più brutto. Ciò che colpì il suo cuore fu un pezzo di quello specchio diabolico. Kay cambiò improvvisamente. È diventato brutto e le rose e le casse dove sono cresciute, ha iniziato a picchiarle e alla fine è andato nella sua stanza, lasciando la ragazza sola.

Kay si annoiò e niente di più divertente, specialmente giocando con Gerd. Gli piaceva imitare gli altri e prenderli in giro. Un giorno, quando la neve era già caduta, Kay lasciò Gerda e andò in slitta da solo nella piazza principale con gli altri bambini. Grandi slitte bianche arrivarono sulla piazza, e Kay vi si attaccò e fu trascinato intorno alla piazza. Improvvisamente le slitte rotolarono fuori dalla piazza e fuori città dopo la più grande tempesta di neve.

Una volta che furono benestanti, la slitta si fermò. C'era una regina delle nevi su di loro e lei chiamò Kay per farli annegare nella sua zucca. Kay si sedette accanto a lei e notò quanto fosse bella. Sfruttò i cavalli e la carrozza precipitò in cielo. Volarono in alto e andarono lontano.


Kay non era a casa da molto tempo e Gerda stava già piangendo dopo aver pensato che fosse morto. Quando arrivò la primavera e la sua amica non era ancora tornata, cominciò a vagare in cerca di lui. Arrivò al torrente, salì sulla barca e iniziò a navigare sul fiume. Il fiume la condusse in una capanna dove abitava una vecchia. Gerda raccontò alla vecchia tutto ciò che accadde e le chiese se avesse visto la sua amica Kay. La vecchia non sapeva nulla di lui, ma era molto contenta che la bambina fosse venuta da lei. Ha iniziato a pettinarlo e ad ogni oscillazione del pettine, la bambina ha dimenticato chi era e perché è venuta qui. Vale a dire, la vecchia signora era una strega e voleva che Gerda rimanesse con lei, così cancellò la sua memoria, ma dovette anche rimuovere tutte le rose in modo che la ragazza non ricordasse a Kay.

Ma la maga dimenticò di nascondere una rosa dal suo cappello, il che ricordò immediatamente a Gerd chi stava effettivamente cercando. Fuggì rapidamente dalla vecchia e continuò a cercare la sua amica. Passeggiando, chiese ai fiori se sapeva dove si trovava Kay, ma ogni fiore le avrebbe raccontato una fiaba. La povera Gerda non sapeva dove andare, quindi si stancò di dormire.

Mentre dormiva, un corvo le balzò in piedi e, quando si svegliò, Gerda gli chiese se avesse sentito parlare del ragazzo Kay. Il corvo non ne era sicuro, ma le raccontò la storia di una principessa che aveva deciso di sposarsi, e così il regno fece una voce per cercare il suo fidanzato e che tutti gli interessati potevano denunciare alla corte. Tra i potenti uomini e ragazzi ne arrivò uno su una slitta e con le scarpe nuove. Gerda riconobbe immediatamente che era Kay. Era più intelligente di chiunque altro, quindi gli piaceva la principessa, ma anche a lei piaceva. Una felice Gerda chiese al corvo di portarla in quel campo!

Quando arrivò alla corte, il corvo e il suo corvo fidanzata la condussero alle camere del principe, ma quando entrò nella stanza, Gerda vide che il principe che dormiva lì non era Kay, dopo tutto. Tutto triste, ha deciso di continuare la sua ricerca. La principessa e il principe le regalarono un carro, stivali nuovi e bellissimi vestiti e augurarono buona fortuna all'inseguimento.

La carrozza si fece strada attraverso la fitta foresta e, essendo coperta d'oro, attirò immediatamente i banditi. Il capo rapinatore era un vecchio rapinatore che voleva immediatamente uccidere Gerda non appena la vide, ma sua figlia non l'avrebbe lasciata perché voleva giocare con la ragazza. La figlia del ladro voleva la carrozza per sé e, mentre era viziata, dovettero lasciarla andare. Un piccolo bandito portò a casa Gerda e la nutrì lì, permettendole di dormire nella paglia, proprio accanto ai piccioni, che aveva anche il piccolo.

Quando il piccolo bandito si addormentò, i piccioni dissero a Gerd di aver visto Kay. Le raccontarono tutto della slitta e della Regina delle nevi e di come andò con il suo ragazzo in Lapponia, dove regna l'eterna neve. Il piccolo bandito sentì tutto questo e decise di aiutare Gerda. La mattina dopo le diede la sua stanza e gli ordinò di portare Gerda in Lapponia. Ha anche dato i suoi stivali e vestiti caldi. Gerda pianse felicemente e ringraziò il piccolo delinquente.

Quando arrivarono in Lapponia, Gerda e le renne si stabilirono in una piccola capanna vicino a una Lapponia. Disse loro di andare a Finnmark e lì la sua amica Chuhonka li avrebbe diretti. Scrisse un messaggio ad un amico, nutrì i nuovi arrivati ​​e li mandò via.

Anche Gerda e renne raggiunsero Chuhonka. Era una donna piccola e sporca che viveva in una casa così calda che Gerda dovette spogliarsi non appena entrò. Le raccontarono le loro storie e lei disse loro che Kay era davvero con la Regina delle nevi, ma che aveva un pezzo di ghiaccio nel suo cuore in modo che pensasse che la Regina delle Nevi fosse la più bella del mondo. A meno che il Devil's Glass non venga rimosso dal suo cuore, non diventerà mai un vero uomo. Gerda decise di andare da solo e cercare Kay.

Durante questo periodo, Kay viveva nel freddo castello della Regina delle Nevi, ma non aveva freddo perché la Regina gli aveva tolto la sensazione di freddo. Tuttavia, era tutto blu e freddo come il ghiaccio. Viveva in solitudine perché la regina andava in regioni più calde e non c'era nessuno in campo, niente divertimento, storia o canzoni. Ed è così che Gerta l'ha trovato. Ma quando si affrettò a incontrarlo e abbracciarlo, non si mosse. Quando non la vide o non la sentì, rimase seduto come congelato. Gerda pianse di tristezza e disperazione, ma quando le sue lacrime caddero sul petto di Kay, il suo cuore iniziò a sciogliersi. Alla fine Kay piange e lancia il bicchiere dal suo cuore.

Kay e Gerda erano contenti di essere di nuovo insieme. Fuggirono dal castello e una renna con un fienile li aspettava. Portarono i bambini a Chuhonki che li nutrì e li riscaldò. Sulla strada di casa, hanno incontrato un piccolo delinquente che li ha aiutati a tornare a casa.

Quando finalmente arrivarono a casa, Kay e Gerda potevano continuare a socializzare come avevano fatto prima di incontrare la Regina delle Nevi. Erano felici e i loro cari stavano ascoltando di nuovo le storie della nonna.

Illustrazione di Sanja Rogosic

Snow Queen (Dicembre 2021)